Telessoccorso – 20 anni di servizio!

Ho finito la giornata di lavoro, prima di andare a casa da mia moglie Anna, come sempre, passo a salutare la mamma, che abita fuori paese.
Sta abbastanza bene, convive con gli acciacchi dell’età avanzata e, da quando mi sono sposato e dopo la morte del papà, vive da sola.
É una persona autonoma, esce a fare la spesa quotidiana, mentre quella settimanale la facciamo insieme, e con l’occasione incontra qualche amica o conoscente.
Dopo pranzo, che riesce a cucinare da sola, fa il classico pisolino, sufficiente a renderla energica per il resto della giornata.
Quando mi vede, mi rendo conto che è felice, e, se qualche volta non posso andare, ci sentiamo per telefono. Il tempo a disposizione non è molto, sa che a casa c’è Anna che mi aspetta per la cena.
Con la mamma parliamo di tante cose, ma soprattutto commentiamo le notizie del telegiornale o le cose che accadono in paese.
E’ ora di andare, mi accompagna alla porta, ci salutiamo più volte, mi da i soliti consigli, vai piano, saluta Anna, esco, si sente la chiave che chiude la porta.
E anche stavolta un dubbio mi tormenta; la mamma è sola, sta bene ma è sola!

E se la colpisse un malore?
E se avesse bisogno di aiuto?
Se cade e resta per terra??

Questo è un semplice racconto che descrive una situazione molto frequente: una famiglia normale che si trova alla prese con i genitori o il genitore che diventa anziano e si ritrova da solo per gran parte della giornata, soprattutto la notte.

La soluzione che propone la Croce Bianca di Giussano si chiama Telesoccorso. Si tratta di un servizio che proprio quest’anno compie 20 anni di attività.
Consiste nell’installazione di un apparecchio collegato alla presa della linea telefonica assieme al telefono di casa.
Per rimanere al passo coi tempi, da qualche mese é possibile attivare il servizio anche a coloro che hanno solo il telefono cellulare.
Con l’apparecchio viene fornito anche un piccolo telecomando da tenere con sè, per poter inviare un allarme anche se la persona è distante dal terminale ed è impossibilitato ad avvicinarsi. In tutti i casi è un sistema semplice e sicuro per mandare un allarme direttamente alla Croce Bianca, che subito verificherà la natura dello stesso attraverso la tecnologia in vivavoce, e, se necessario, attiverà la procedura di soccorso/avviso. Inoltre, una volta alla settimana, in un giorno e orario prestabiliti, il centralinista chiamerà a casa e, dopo una piccola chiacchierata, si simulerà un allarme per verificare il funzionamento del sistema e permettere alla persona di abituarsi al suo utilizzo.

Durante tutto il 2016 sono stati ricevuti 132 falsi allarmi e 22 allarmi “reali”, ovvero quando l’Utente ha davvero bisogno d’aiuto. In questi casi è stato contattato il 118 e inviata un’ambulanza in urgenza.
I 44 Utenti ad oggi collegati e le loro famiglie sicuramente si sentono più tranquilli e possono vivere serenamente sapendo che, in caso di bisogno, non saranno soli.

Per avere ulteriori informazioni, potete venire a trovarci domenica 10 Settembre dalle ore 08.00 alle ore 18.00 presso l’Oratorio del Ceredo a Seregno in occasione della loro festa patronale oppure presso la nostra sede di Via D’Azeglio, 72 a Giussano, presso la Residenza Amica, oppure chiamarci allo 0362/850269.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *